Sostegno a sport e impianti sportivi, fatta la delibera ecco le cifre

OSIMO - Deliberata la liquidazione dei contributi alle associazioni sportive per sostenerle nel pagamento delle utente riferite a impianti che gestiscono per conto del Comune.

 

Il mese scorso gli uffici del segretario comunale avevano chiesto alle 11 associazioni, che pagano utente per gestire i nostri impianti sportivi, tutta la documentazione necessaria per certificare l’effettivo aumento dei costi di acqua, luce e gas. In base alle spese sostenute e documentate dalle associazioni sportive, tutte dilettantistiche, i tecnici comunali hanno quindi elaborato una ripartizione automatica e proporzionale del fondo messo a disposizione. I 150.000 euro stanziati a bilancio per questi contributi dalla nostra amministrazione sono così ripartiti:

 

  • • 7.820 euro alla Asd Bocciofila Sacra Famiglia per le utenze relative alla gestione del bocciodromo comunale di via della Croce Rossa
  • • 3.968,50 euro alla Asd Atletica Amatori Osimo per sostenere il pagamento delle bollette dell’impianto comunale di atletica leggera della Vescovara
  • • 6.492,80 euro alla Asd Centro Mini Basket Robur Osimo per il geodetico Rocchini di piazzale Bellini
  • • 60.766,20 euro alla Ssd Team Marche per i costi delle utenze riferite alla piscina pubblica della Vescovara
  • • 1.335,60 euro alla Volley Libertas Osimo per le utente del PalaBellini
  • • 18.476,75 euro alla Asd Osimo Stazione Calcio per la gestione dei campo sportivo Bernacchia, dei campi da calcetto del Cespo e del vicino Skatepark della Vescovara
  • • 2.884,80 alla Apd Passatempese per la gestione dei campi da calcio di Passatempo e Padiglione
  • • 3.388,85 euro alla Asd Circolo Tennis Osimo per il centro tennis di via Olimpia
  • • 19.913,25 euro alla Asd Junior Tennis per il centro tennis della Vescovara
  • • 17.017 euro alla Usd Osimana per lo stadio Diana e i campi da calcio Santilli e San Carlo
  • • 7.936,25 alla Asd San Biagio per i due campi da calcio di San Biagio

“Ritengo – ha commentato il sindaco Pugnaloni -  che questa misura sia fondamentale per le nostre società sportive in un momento storico simile, nel quale i costi di gestione sono schizzati per l’aumento delle bollette. La loro gestione degli impianti sportivi è per il Comune preziosa, sollevandolo dalla manutenzione ordinaria.

A maggior ragione si è scelto di sostenerle seguendo criteri oggettivi come la documentazione riferita alle spese sostenute nel 2021 e 2022 per il pagamento delle utenze, le cui analisi ha in effetti confermato un divario in crescendo dei costi che questi contributi cercheranno di sopperire”.

E ha aggiunto “Ci tengo a precisare che si tratta di un fondo voluto dall’amministrazione con risorse comunali appositamente previste nel bilancio di previsione 2022, non quindi fondi statali. Recentemente avevamo già provveduto a prorogare la gestione degli impianti sportivi senza dunque procedura pubblica di assegnazione per consentire alle stesse associazioni sportive di recuperare i tanti mesi persi per il lockdown dovuto al biennio di pandemia. Questa misura delle gestioni prorogate fino al 31 agosto 2025 riguarda 17 impianti sportivi e comporta per il Comune un corrispettivo annuo da versare alle associazioni di 174.046 euro, a fronte di un canone annuo incassato di 12.715 euro”.